I 12 frutti dello Spirito Santo

Set 29, 2021

SCARICA IL PDF CLICCANDO QUI

I frutti dello Spirito Santo, quali sono?

Molti cristiani non conoscono molto bene i frutti dello Spirito Santo anche se hanno familiarità con i sette doni dello Spirito Santo: sapienza, intelletto, consiglio, scienza, pietà, timore del Signore, e la forza d’animo. Questi doni, concessi ai cristiani al loro battesimo e perfezionati nel sacramento della Confermazione, sono come le virtù: fanno in modo che una persona sia disposta a fare scelte corrette.

Perchè i frutti dello Spirito Santo sono differenti dai suoi doni?

Se i doni dello Spirito Santo sono come le virtù, i frutti dello Spirito Santo sono le azioni che producono quelle virtù.
Spinto dallo Spirito Santo, attraverso i doni dello Spirito Santo che portano frutto sotto forma di azione morale. In altre parole, i frutti dello Spirito Santo sono opere che siamo in grado di eseguire solo con l’aiuto dello Spirito Santo. La presenza di questi frutti è un’indicazione che lo Spirito Santo dimora nel credente cristiano.

Dove si parla dei frutti dello Spirito Santo nella Bibbia?

San Paolo, nella Lettera ai Galati (5,22), elenca i frutti dello Spirito Santo. Ci sono due diverse versioni del testo. Una versione più breve, comunemente usata sia da cattolici che protestanti. Bibbie oggi, elenca nove frutti dello Spirito Santo; la versione più lunga, che San Girolamo ha utilizzato nella sua traduzione latina della Bibbia conosciuta come la Vulgata, comprende altri tre. La Vulgata è il testo ufficiale della Bibbia che la Chiesa cattolica usa; Per questo motivo, la Chiesa cattolica ha sempre fatto riferimento ai 12 frutti dello Spirito Santo.

SCARICA IL PDF CLICCANDO QUI

Quali sono i 12 frutti dello Spirito Santo?

I 12 frutti sono carità (o l’amore), gioia, pace, pazienza, benevolenza (o la gentilezza), la bontà, longanimità (Grandezza d’animo), mitezza (o la dolcezza), la fede, la modestia, la continenza (o auto-controllo), e la castità.

La longanimità, la modestia, e la castità sono i tre frutti che si trovano solamente nella versione più lunga del testo.

carità(o amore)

La carità è l’amore di Dio e del prossimo, senza alcun pensiero di ricevere qualcosa in cambio. Non è una sensazione di “caldo e al sicuro”, tuttavia; carità, si esprime in azioni concrete verso Dio e verso il nostro prossimo.

Gioia

La gioia non è emozionale, nel senso che noi comunemente pensiamo di gioia; piuttosto, è lo stato di essere indisturbati dalle cose negative della vita.

Pace

La pace è una tranquillità nella nostra anima che viene per affidarsi a Dio. Invece di trovarmi in mezzo alle ansie per il futuro, i cristiani, per impulso dello Spirito Santo, si fidano di Dio per trovare Pace.

Pazienza

La pazienza è la capacità di sopportare le imperfezioni di altre persone, attraverso la conoscenza delle nostre imperfezioni e il nostro bisogno di misericordia e il perdono di Dio.

Gentilezza

La gentilezza è la volontà di dare ad altri cose che vanno oltre quello che noi li possediamo.

Bontà

La bontà è l’evitare il male e l’abbraccio di ciò che è giusto, anche a scapito di uno di fama terrena e fortuna.

Longanimità (o grandezza d’animo)

La longanimità è la pazienza sotto provocazione. Mentre la pazienza è correttamente indirizzata a cause di altri difetti, per coloro che a lungo soffrono in silenzio gli attacchi degli altri.

Mitezza (dolcezza)

Per essere miti nel comportamento è quello di perdonare, piuttosto che arrabbiati, dolcezza piuttosto che fame di vendetta. La persona gentile è mite; come Cristo stesso, che ha detto

Fede

La fede, come un frutto dello Spirito Santo, significa vivere la nostra vita secondo la volontà di Dio in ogni momento.

Modestia

Essere modesti umiliando te stesso, riconoscendo che uno dei tuoi, talenti, o meriti non sono veramente solo tuoi, ma doni di Dio.

Continenza

Continenza è auto-controllo o temperanza. Ciò non significa negare se stessi quello che ci vuole o anche necessariamente ciò che si vuole (a patto che ciò che si vuole è qualcosa di buono); piuttosto, è l’esercizio di moderazione in tutte le cose.

Castità

La castità è la presentazione di desiderio fisico alla retta ragione, soggiogando cose a uno solo di natura spirituale.
La castità significa indulgere ai nostri desideri fisici solo all’interno della appropriata stanza, per impegnarsi in attività sessuale solo all’interno del matrimonio.

SCARICA IL PDF CLICCANDO QUI

 

Chi Sono

Mi chiamo Veronica Niola sono catechista Italo spagnola, mamma di due bambini. Scorri nel menù per cercare l’argomento di tuo interesse, per qualsiasi info contattami a: catechismoconveronica@gmail.com

I contenuti sono per utenti registrati. Registrati gratuitamente o accedi se sei già registrato per visualizzarli.

Potrebbero interessarti anche…

Pin It on Pinterest